328.47.25.793

Avv. Marzano

346.67.94.094

Dott. Piscopo

Facebook

Search

L’argomento interpretativo letterale: la “magia” della lingua Italiana – di Francesco Caringella

Il primo dei dieci argomenti utili per risolvere ogni problema interpretativo oggetto di prova concorsuale è l’argomento letterale o dichiarativo o linguistico o “prima facie”. 
Una norma è, prima di tutto, un documento linguistico.

Bisogna allora partire dalla lingua più bella del mondo: l’italiano.
È l”interpretazione in senso stretto”, decisiva quando la legge usa un rigoroso linguaggio tecnico-convenzionale, evitando quelle zone di penombra che troppo spesso spalancano le fauci all’arbitrio dell’interprete co-legislatore.
Occorre partire dal “senso fatto palese dal significato proprio delle parole”, per dirla con l’articolo 12 delle preleggi.

Significato delle parole, formale ma anche appropriato e adeguato. “Parole”, già.

Se le parole parlano chiaro – secondo l’interpretazione lessicale, sintattica e semantico-pragmatica attenta all’uso linguistico generale -, l’operazione ermeneutica è vincolata e lascia operare il giudice come “bouche de la loi”, in aderenza alla separazione dei poteri.

“In claris non fit interpretatio”, ammonivano i romani, in quanto, per continuare con il meraviglioso Voltaire del dizionario filosofico, “la vera legge non deve essere interpretabile”. 
Le parole vincolano l’esegeta con un cappio più stringente se abbiamo a che fare con una norma eccezionale o penale (art.1 cp) e vanno lette con attenzione al significato storico originario (interpretazione letterale cd. originalista), sensibile però all’evoluzione culturale (interpretazione letterale-evolutiva). 
Ogni singola parola è parte di un tutto, tessera di mosaico.

Le parole non vanno allora penetrate in modo isolato (dato lessicale), ma esplorate secondo la connessione che le lega e le armonizza (dato grammaticale).

Un enunciato normativo non è un insieme di parole sorde e mute, ma un tappeto di note musicali avvinte da un magico legame.

No Comments

Leave a Comment